domenica 30 dicembre 2012

Torta salata con cipolle

Allora, questa torta salata risponde alla richiesta di Laura di postare più piatti salati. Cara Laura, questa è per te!!!
Si tratta di una torta salata che qui propongo con la pasta del pane (o della pizza se preferite), ma che potete anche realizzare con pasta brisee o pasta sfoglia (in questi due casi riducete di 10 minuti il tempo di cottura).


Ingredienti
400 di impasto per la pizza (come ricetta io uso questa)
250 g di formaggio da spalmare (io ho usato Philadelphia, ma penso che anche robiola o caprino siano adatti)
2 uova
125 ml di panna
500 g di cipolle
5 pizzichi di noce moscata
sale
olio

Scaldare in una padella 3 cucchiai d'olio e cuocere per 10 minuti le cipolle tagliate finemente.
Lavorare con una forchetta il formaggio, il latte e le uova (precedentemente sbattute). Aggiungere sale e noce moscata. Mescolare ancora.
Stendere la pasta per la pizza in una teglia e lasciare i bordi per coprire il ripieno.
Aggiungere le cipolle tiepide al formaggio. Mescolare.
Versare il ripieno sulla pasta e ripiegare i bordi.
Bucherellare i bordi e infornare a 220° per 30 minuti.
Se vi sembra che il ripieno scurisca troppo abbassate la temperatura.
La cottura si osserva bene dall'aspetto della pasta.

Buon appetito Laura, ma anche tutti quelli che leggono questo blog! :D

sabato 29 dicembre 2012

Rotolo glassato al cioccolato

Un dolce vagamente natalizio.
Ma levando le stelline diventa un dolce da tutti i giorni.
I rotoli di biscotto si prestano bene ad ogni eventualità. Possono essere farciti con panna (come in questo caso), ma anche con confettura o marmellata, con crema alle nocciole e anche con crema. Dipende dai vostri gusti. La base di biscotto in questo caso è al cacao, ma potete benissimo usare la stessa ricetta (senza cacao ovvio) per un'alternativa non cioccolatosa. Stesso discorso per la glassa: potete glassare con albumi sbattuti e zucchero a velo o anche con crema al formaggio e zucchero a velo.

Ingredienti
per l'impasto base
4 uova
100 g di zucchero semolato
2 cucchiai di zucchero a velo
100 g di farina 00
2 cucchiaini di lievito
1 cucchiaio di cacao
pizzico di sale
per la farcia
2 dl di panna fresca
1 cucchiaio di zucchero
per la copertura
200 g di cioccolato fondente
1 cucchiaio di zucchero di canna
5 cucchiai di latte

Per l'impasto montare con le fruste i tuorli con i due tipi di zucchero. Setacciare la farina, il lievito, il cacao e il pizzico di sale e aggiungere al composto di tuorli. Montare gli albumi ed aggiungerli delicatamente.
Versare l'impasto in uno stampo rettangolare a bordi bassi di 22x33 cm foderato con carta da forno (vi consiglio di lasciare un bordo di carta per afferrarlo quando servirà rovesciarlo). Cuocere a 180° per 15 minuti.
Capovolgete la base ancora calda su un canovaccio pulito e arrotolatela su se stessa dal lato lungo. Fatela raffreddare.
Per la farcia montate la panna con lo zucchero.
Srotolate la base biscotto e farcitela con la panna lasciando un bordo lungo di 2 cm. Arrotolatela di nuovo, rivestite con pellicola trasparente e mettete in frigo per almeno 30 minuti.
Per la copertura sciogliere a bagnomaria il cioccolato a pezzi, lo zucchero e il latte. Stendere sul rotolo e spolverizzare con lo zucchero a velo (per fare le stelle basterà ritagliare delle sagome di stella da un foglio di carta e posizionarle sul rotolo prima di spolverizzare).
Tenere il frigo fino al momento di servire.

Io ho tagliato il rotolo in due pezzi prima di glassare per questioni di...spazio in frigorifero, ma potete lasciarlo anche intero.

mercoledì 26 dicembre 2012

Torta colibrì (Hummingbird Cake)

I nomi delle torte mi affascinano.
Non c'è niente di più banale di una torta senza nome chiamata semplicemente con il riferimento ai soli ingredienti.
Questa premessa per una conclusione ovvia: non ho cacciato, ucciso e spennato colibrì per Natale.
Il nome della torta deriverebbe dal suono che la bocca di chi l'assaggia produce, un "mmmmmmmmm" simile ad un fruscio di ali di colibrì.
Come potevo non cimentarmi in questo capisaldo della tradizione americana?
E a Natale ovvio, perché mica ci piace la vita semplice, e quindi oltre al pranzo da preparare ci voleva pure una torta bella complicata.

Ingredienti
per l'impasto
450 g di farina 00
3 uova
200 g di cocco disidratato
3 banane mature
150 g di gherigli di noce
5 g di bicarbonato di sodio
5 g di cannella
240 ml di olio di semi
1/2 cucchiaino di sale
300 g di zucchero semolato (la ricetta originale ne richiedeva 450, ma non mi pareva il caso)
230 g di ananas fresco
per la glassa
500 g di formaggio cremoso (Philadelphia)
250 g di zucchero a velo
100 g di burro morbido
Qualche fetta sottile di ananas per decorare

Per prima cosa preparerei le fette di ananas per la decorazione, così vi levate il pensiero e non se ne parla più: mettere su una placca foderata con carta da forno le fette sottili di ananas per 30 minuti per lato a 110°. Lasciatele raffreddare e mettetele da parte.
Setacciare la farina, il bicarbonato, la cannella e il sale. Aggiungere l'olio e lo zucchero e sbattere con le fruste a media velocità, unendo le uova (una per volta). Montare fino a che il composto risulta soffice (almeno 3 minuti).
In un altra ciotola mescolare l'ananas ridotto in polpa, le banane schiacciate, i gherigli sminuzzati e il cocco.
Unire ed amalgamare bene al composto uova e farina.
Versare l'impasto in DUE tortiere da 24 cm di diametro rivestite con carta da forno e cuocerle una per volta (a meno che non abbiate un forno molto capiente in cui riuscite a metterle in centro entrambe) a 180° per 35 minuti (lo stecchino asciutto funziona anche in questo caso).
Lasciate raffreddare (io ho preparato le torte il giorno prima).
Per la glassa: sbattere con le fruste ad alta velocità il formaggio e il burro a tocchetti, aggiungere lo zucchero a velo per ottenere un composto spumoso.
Preparare nel piatto di portata (perché poi non riuscirete a spostarla) una delle due torte (con delicatezza, perché sono molto delicate) e coprite con parte della glassa. Mettere sopra l'altra torta e rivestire sopra e i lati con la glassa.
Infine posizionare a piacere l'ananas a fettine.

Considerazioni finali: la torta con quel sapore misto cannella, banane, cocco è davvero speciale, la glassa la rende più dolce (ma mi sono rifiutata di creare la glassa originale con più zucchero che formaggio) ed è ottima con una fumante tazza di caffè.
Ah, le foto, fatte sulla tavola natalizia dopo una gran mangiata (e qualche bicchiere di vino) sono....pittoresche. Buon Natale? :D

domenica 23 dicembre 2012

Ricotta e doppio cioccolato cheesecake

Servono 5 uova.
Lo scrivo subito così se siete di quelli per cui 5 uova in un dolce sono tante chiudete subito la pagina.
Premesso questo, questa torta non sarebbe rientrata nel blog se oggi non avessi sentito una chiamata dall'alto alla mia responsabilità di blogger Anarchica in cucina.
La torta l'ho fatta 2 giorni fa, i pezzi diminuivano (anche grazie alla mamma spacciatrice di torte) e oggi aprendo il frigo ho visto quella triste fetta che chiedeva vendetta. Insomma, che colpa aveva lei se io in questi due giorni non avevo voglia di fotografarla? Perché lei no e tutte le altre torte sì? Eppure era pure venuta bene, non aveva punti deboli. Ma questo richiamo ricottoso e cioccolatoso, non mi aveva smosso.
È stato necessario che si scomodasse nientepopodimeno che Julia Child. O meglio il film su Julia Child, "Julie & Julia". Mentre la fetta di torta languiva in frigorifero e si chiedeva cosa avesse mai fatto di male, ho visto il film in questione e mi sono sentita tanto in colpa. Perché quando vuoi diffondere le ricette e magari apri un blog hai una sorta di responsabilità verso chi ti segue (al di là di quanti sono, e io davvero non ci penso mai). 
Quindi: eccovi qua la nuova versione di cheesecake. 
Godetevela, e come diceva Julia Il solo momento buono per consumare cibi dietetici è mentre si aspetta che la bistecca sia cotta”.


Ingredienti
per la base
250 g di biscotti al cacao
125 g di burro morbido
per la farcia
200 g di cioccolato fondente
150 g di cioccolato al latte
500 g di ricotta
200 di zucchero
5 uova
1,5 dl di panna

Per la base sbriciolate i biscotti e mischiateli con il burro. Mettete il tutto sul fondo di uno stampo a cerniera da 26 cm foderato con carta da forno.
Sciogliere a bagnomaria il cioccolato e la panna. Mescolare in una ciotola la ricotta con lo zucchero, aggiungere i tuorli (montate a parte gli albumi a neve) e poi il mix di cioccolato fuso.
Incorporare delicatamente gli albumi montati a neve.
Versare la farcia sullo strato di biscotti e cuocere per 1 ora a 160°.
Fate riposare la torta un'altra ora nel forno aperto. Sfornatela e come per la torta precedente potete scegliere se consumarla subito o dopo 8 ore di frigorifero. A voi la scelta. O la necessità.
In ogni caso su ogni fetta grattugiate un po' di cioccolato che male non fa.
E ricordatevi: ringraziate Julia Child (il blog non lo aveva lei, ma senza di lei la storia non esisterebbe), ma anche Meryl Streep e anche Dan Aykroyd.

martedì 18 dicembre 2012

Triple-creme cheesecake

Una cheesecake al mascarpone (triple-creme cheese). Perché mai? Avevo del mascarpone in frigo? Anche, ma soprattutto avevo bisogno di qualcosa di comfort food. Ma davvero molto comfort.
E quindi ecco il dolce perfetto per l'occasione: non solo 500 g di mascarpone, ma pure yogurt e pure cioccolato fondente. Un vero e proprio attentato alla linea di chi mi odia per queste ricette. Sappiate che io voglio bene, è che non so dimostrarlo. 


Ingredienti
per la base
300 g di biscotti Digestive

150 g di burro
1 cucchiaio di cacao in polvere
per la farcia
500 g di mascarpone

100 g di cioccolato fondente
1,8 dl di yogurt bianco
200 g di zucchero
2 cucchiai di farina 00
3 uova grandi


La base: sbriciolare i biscotti e impastarli con il burro ammorbidito e il cacao. Mettere sul fondo e sui bordi di una teglia apribile da 24 cm rivestita con carta da forno. Tenere in frigorifero.
La farcia: sciogliere a bagnomaria il cioccolato, farlo raffreddare e unire metà dello yogurt. Mescolare con le fruste il mascarpone, lo zucchero, lo yogurt rimasto per ottenere una crema. Incorporare la farina, e le uova e mescolare ancora.
Trasferire 2/3 della crema sulla base di biscotti, mescolare quello rimasto con la cioccolata e versarlo sopra la crema.
Cuocere a 180° per 40 minuti.
Lasciare raffreddare.
E qui avete due possibilità: se volete essere fedeli alla teoria per cui il cheesecake deve stare in frigorifero SEMPRE, lo lasciare riposare in frigorifero per 8 ore (non una di meno); se ve ne fregate delle teorie che vi tengono lontani dalla vostra torta per tutto questo tempo spolverizzate con cacao e consumate prima possibile.


martedì 4 dicembre 2012

Muffin ricotta e caffè

Questa volta in frigo avevo della ricotta.
Ormai la realizzazione di ricette deriva dalla necessità.
Devo ancora capire se questa cosa mi piace o mi deprime.
Comunque, non mi andava di fare la solita torta di ricotta che poi rimane tutta lì perché troppo grande e quindi via di muffins che posso regalare a chi desidera.
La scelta di inserire un doppio impasto al caffè, invece, deriva dalla voglia di un dolcetto più accattivante.

Ingredienti:
200 g farina
130 g ricotta
100 g zucchero di canna
50 g di burro morbido (o margarina)
50 ml di latte
1 tazzina di caffè senza zucchero
3 uova
1 bustina di lievito (16 g)
pizzico di sale
Separare albumi e tuorli e montare i primi a neve ferma con un pizzico di sale.
Mescolare tuorli, zucchero e burro fino ad ottenere un composto omogeneo.
Aggiungere latte e ricotta e mescolare ancora.
Setacciare e inserire anche farina e lievito. Mescolare.
Infine unire gli albumi montati con cura.
Prendere 1/3 dell'impasto e aggiungere il caffè, mescolando.
Se i 2/3 rimasti vi sembrano troppo solidi aggiungere latte.
Mettere prima il composto chiaro nei pirottini preparati nella teglia e poi quello scuro.
In forno per 30 minuti a 180°.
Ottimi inzuppati nel latte, ma buoni anche così perché la ricotta li rende morbidissimi.
Ah, se volete esagerare coprite con un frosting di burro e caffè. Per viziosi.

giovedì 15 novembre 2012

Biscotti per il raffreddore

Tutto nasce da un vasetto di yogurt bianco e mezza arancia.
Quel vasetto mi guardava con aria di sfida da qualche giorno, ne avevo presi due per la salsa per il kebab, ma uno era bastato. Quello avanzato se ne stava lì, ogni volta che aprivo il frigo sfidando la mia capacità di farci qualcosa.
Dato che sto iniziando a pensare ad una serie di biscotti natalizi da regalare a parenti/amici mi ricordavo di alcuni "alberelli allo yogurt" visti in un libro allegato a Sale & Pepe, così trovata la ricetta ho risolto il problema vasetto.
Ma durante l'esecuzione mi si proposto una seconda sfida: quella della mezza arancia che avanzava. Inaccettabile buttarla via e così....ho fatto un spremuta, ovviamente aggiungendo altre 2 arance intere. Mentre spremevo mi è venuto in mente che con il raffreddore una bella spremuta è sempre un toccasana e quindi questi sono diventati "biscotti per il raffreddore".

Ingredienti
250 g di farina

8 g di lievito (1/2 bustina)
1 pizzico di sale
125 g di burro morbido
100 g di zucchero semolato
1/2 arancia spremuta
1 vasetto di yogurt bianco
125 g di zucchero a velo (possono essere anche 100, ma visto che le buste di zucchero a velo sono da 125, mi pare inutile non usarla tutta)
Setacciare farina, sale e lievito, disporre a fontana su un piano da lavoro e mettere al centro il burro. Lavorare con la punta delle dita fino ad ottenere un composto sbriciolato.
Unire lo zucchero semolato, lo yogurt ed impastare fino ad ottenere una pasta soda e omogenea (se si appiccica troppo aggiungere farina). Avvolgetela in un foglio di carta da forno e lasciate riposare per almeno 30 minuti in frigo.
Stendere l'impasto su un piano infarinato e con un tagliabiscotti della forma che volete (io ho usato l'alberino) ritagliate e rimpastate fino ad esaurimento.

Cuocere in forno a 180° per 10 minuti.
Preparare la glassa mescolando zucchero a velo e succo di arancia.
Togliere dal forno e spennellare con la glassa.
Rimettere in forno per altri 5 minuti.
Lasciare raffreddare.
Da gustare con la vostra spremuta.
Ogni scusa è buona per far biscotti, anche un raffreddore.
Etciù!

venerdì 9 novembre 2012

Cinnabon Cake


Ecco un altro momento di incoerenza con l'inizio del blog.
Un'altra torta con la cannella. Ma ci sto prendendo gusto.
Questa volta ho voluto provare una versione a torta dei famosi Cinnamon rolls e devo dire (me lo dico da sola) che il risultato è ottimo.
Ho rielaborato una ricetta americana sia nella presentazione sia nelle quantità degli ingredienti.

Ingredienti

Impasto
300 g di farina 00
1 pizzico di sale
100 di zucchero a velo
16 g di lievito (una bustina)
2 uova
1 bustina vanillina (facoltativa)
350  ml di latte
60 g di burro fuso
Il burro alla cannella
200 g di burro morbido
100 g di zucchero di canna
2 cucchiai di cannella (ma qui, fate vobis se ne volete mettere di più o di meno)
La glassa
125 g di zucchero a velo
3 cucchiai di latte

Mescolare tutti gli ingredienti dell'impasto nell'ordine in cui sono elencati.
Preparare una teglia di 20-24 cm di diametro rivestendola di carta da forno e versare l'impasto.
Mescolare il burro morbido con zucchero e cannella fino ad ottenere un composto morbido ed omogeneo.
Versarlo sopra l'impasto (tenderà ad affondare, ma va bene così) e poi con un coltello cercare di inserirlo, ma non mescolarlo.
Cuocere in forno a 180° per 30 minuti.
Preparare la glassa mescolando zucchero a velo e latte.
Una volta raffreddata la torta versare sopra la glassa a piacere (potete coprire tutto il dolce o solo una parte).
Buona cannellata!!!

mercoledì 7 novembre 2012

Torta salata con melanzane e feta

Una veloce torta salata con la sfoglia pronta (oh, se volete fare la sfoglia in casa fatela, nessuno lo impedisce). Da 4 giorni cerco di sbolognare una confezione di feta al consorte proponendola in tavola con diverso accompagnamento, ma me l'ha snobbata sempre, così stasera dovevo trovare una soluzione. Ed eccola.


Ingredienti
1 rotolo di sfoglia rotonda
2 melanzane
200 g di feta
timo
2 pomodori
olio

Pelare e tagliare a dadini le melanzane, cuocerle per 10 minuti in una padella con poco olio. Lasciare intiepidire e schiacciare con la feta e il timo.
Preparare in una teglia la sfoglia bucherelllata su carta da forno e versare il composto. Piegare la pasta che avanza in modo da coprire in parte l'impasto.
Cuocere in forno per 20 minuti a 180°.
Preparare i pomodori a dadini levando i semi e se volete anche la buccia.
Sfornare e far raffreddare la torta, coprire con il pomodoro e servire.
E guardiamo se stasera la feta la mangia.

martedì 6 novembre 2012

Torta al cioccolato fondant e uova

Quando in un piccolo dolce ci sono 5 uova direi che metterle nel titolo è obbligatorio.
Sto cercando la torta al cioccolato perfetta e quindi si sperimenta.
Oggi ho voluto provare con questa con poca farina, poi proverò senza uova, senza burro....vedremo.

Ingredienti:
200 g di cioccolato fondente
200 g di burro
180 g di zucchero (ma anche meno se volete)
5 uova
1 cucchiaio di farina


Far sciogliere a bagnomaria in un pentolino capiente il cioccolato e il burro. Aggiungere lo zucchero e la lasciare raffreddare.
Aggiungere le uova una per una e mescolare con cucchiaio di legno.
Aggiungere infine la farina e mescolare ancora.
Versare il composto in una tortiera di 20 cm di diametro e cuocere per 25 minuti a 190°.
Sformare e raffreddare su una griglia.
Pare che questo tipo di torta sia ancora più buona il giorno dopo.
Domani vi dirò, intanto posso dire che si scioglie in bocca.
Peccato per tutte quelle uova.

Aggiunta:
confermo il giorno dopo (se ci arriva) è ancora più buona.
Apprezzo di questa torta il fatto che non serva aggiungerci sopra panna o altro,  ma che è buonissima così.

sabato 20 ottobre 2012

Choco Cheesecake

Volevo già provare da un po' e ho colto al balzo l'occasione di partecipare ad una gara di torte (sono arrivata quarta, ma questo non inficia la bontà della torta, assicuro).
Insomma, una variante al cioccolato della mia collaudata cheesecake (anzi, no ho fatto dei cambiamenti per bilanciare l'ingresso del cioccolato).
Ottima intuizione, è davvero una scoperta.



Ingredienti:
per la base
una confezione di biscotti Digestive 

150 g di burro fuso a bagnomaria
50 g di codette al cioccolato
per l'impasto
5 uova (3 intere e 2 tuorli)
200 g di zucchero
1 kg di Philadelphia

30 g di Maizena
200 ml di panna
150 g di cioccolato fondente fuso a bagnomaria
per la decorazione
cacao in polvere 

pasta MMF bianca

Procedimento: polverizzare i biscotti nel mixer mescolare con  il burro e le codette formando un composto omogeneo.
Foderare con carta da forno una tortiera con cerniera da 25-27 cm e versare il composto di biscotti sul fondo livellandolo con le mani. Mettere la tortiera in frigo per almeno 1 ora.

Accendere il forno a 180° e preparare l'impasto; lavorare uova e zucchero, aggiungere il formaggio per ottenere un composto morbido. Versare la Maizena e la panna e lavorare ancora senza montare la panna. Infine mescolare delicatamente con il cioccolato fuso.
Versare il composto nella tortiera presa dal frigo e mettere in forno per 60 minuti. Dopo i primi 30 minuti se la superficie si scurisce troppo abbassare a 160° e coprire con un foglio di alluminio.
A fine cottura lasciare la torta in forno aperto per altri 30 minuti.

Ho decorato con cacao in polvere e lettere e rosa create con pasta MMF che avevo preparato per un'altra torta, ma anche solo il cacao è sufficiente per una bella presentazione.

lunedì 15 ottobre 2012

Cannella, panna e mascarpone

Va bene, sono poco coerente. Se leggete i miei primi post vedrete come io non mettevo mai la cannella nei miei dolci. Invece ora vi propongo addirittura una torta alla cannella.
Mi chiamerete un'anarchica incoerente in cucina, pazienza.
Questa torta morbida e tanto buona è ottima con una tazza di caffè e direi un buon dolce delle feste invernali.

Ingredienti
per la crema
250 g di mascarpone
250 g di panna da montare
50 g di zucchero a velo
per l'impasto
150 g di farina
200 g di burro morbido
3 uova
100 g di zucchero di canna
110 g di zucchero semolato
2 cucchiaini di cannella
1/2 cucchiaio di noce moscata
1/2 cucchiaio di bicarbonato
1/2 cucchiaio di lievito per dolci

Mescolare burro e i due tipi di zucchero, aggiungere la farina setacciata con bicarbonato e lievito, poi le spezie e le uova. Amalgamare bene il tutto.
Versare il composto su una teglia da forno foderata con carta bagnata e strizzata. Cuocere per 15 minuti a 180°.
Montare la panna e aggiungerci il mascarpone mescolato con lo zucchero a velo.
Sfornare e far raffreddare.
A questo punto a voi la scelta: potete fare dei pasticcini usando un tagliapasta di 6-8 cm di diametro, una torta con 14 cm, oppure tagliare dei grandi rettangoli.
Cospargere con la crema e poi coprire con un altro pezzo di impasto.

Io ho scelto i dischi da 14 (ma la prossima volta faccio i pasticcini) e li ho decorati con fiorellini di zucchero.

mercoledì 22 agosto 2012

Cheesecake cupcakes facili facili

Sì, facili facili. Perché gli ingredienti sono pochi e il risultato è ottimo.
Stanca di ripetermi con la mia solita cheesecake ho cercato una alternativa per porzioni piccole da picnic. Ed ecco il risultato.
Ingredienti per 15 cupcakes (sì le teglie sono da 12, ma me ne sono venuti 15)
10 biscotti Digestive sbriciolati (ma non polverizzati)
80 g di burro (50 sciolto a bagnomaria e 30 nell'impasto)
500 g di Philadelphia
120 g di zucchero
2 uova
Preparare la teglia da muffin inserendo i pirottini di carta. Unire il burro sciolto ai biscotti e mettere il composto sul fondo dei pirottini.
Mescolare gli altri ingredienti e riempire i pirottini con l'impasto.
Cuocere per 20 minuti in forno caldo a 180°.
Aggiungere gelatina o confettura di fragole per decorare.

lunedì 16 luglio 2012

Crostata ricotta e susine

Ecco un'altra ricetta con la frutta, ma d'estate come non farle! La frutta è buona e succosa fa venire proprio voglia di farci una torta!!! E questa in particolare può essere fatta con ogni tipo di frutto: susine, prugne, pesche, albicocche, ma anche banane e mele.
La particolarità sta nell'inserire i biscotti sbriciolati nella crema di ricotta. E anche nel caso dei biscotti potete sbizzarrirvi usando quelli che preferite: alla cannella, allo zenzero, al cacao, al limone. Insomma anarchia!!! :D

Ingredienti
per la frolla
250 g di farina
125 g di burro
100 g di zucchero a velo
1 uovo
per la crema
250 g di ricotta
100 g di biscotti ridotti in polvere (io ho usato le Digestive)
1 uovo
poi
600 g di susine, più dolci sono meglio è perché in cottura tendono a inasprirsi
60 g di zucchero

Preparare la frolla impastando gli ingredienti, aggiungendo l'uovo per ultimo. Fare una palla e metterla in frigo almeno mezz'ora.
Per la crema mescolare gli ingredienti amalgamandoli bene.
Tagliare le susine a metà e metterle in una ciotola con lo zucchero.
Rivestire una teglia da 24 cm con carta da forno e stendere la frolla creando anche i bordi.
Mettere la crema sulla frolla e posizionare le susine appoggiate sulla parte bombata.
Cuocere in forno per 35 minuti a 180°.
Ottima con del gelato alla vaniglia.

domenica 1 luglio 2012

Cheesecake salata con zucchine

Dato che il concetto di cheesecake è in fondo: biscotti, formaggio e frutta renderla un piatto salato è anche semplice. Ovviamente sto parlando di quella da mettere in frigo non la mia adorata cheesecake al forno.
Sostituendo i biscotti Digestive con dei grissini o crackers, il formaggio Philadelphia con della ricotta e la frutta per la copertura con della verdura...il gioco è fatto.

Ingredienti:
250 g di ricotta
100 g di panna semimontata
60 g di grissini o crackers del tipo che preferite
250 g di zucchine
burro
sale
aglio

Mettere a colare la ricotta in modo che perda tutta l'acqua (questo permette di non utilizzare la colla di pesce per addensare).
Sminuzzare i grissini e mescolarli a poco burro sciolto a bagnomaria.
Mettere il composto di grissini sul fondo di 4 bicchieri e schiacciare bene.
Mescolare la ricotta con la panna semimontata e sale secondo abitudine (io uso poco sale in generale).
Mettere ricotta e panna sopra i grissini e compattare.
Lasciare in frigo per almeno 3 ore.
Tagliare a rondelle le zucchine e passare in padella con un poco burro (o olio, come preferite) e uno spicchio di aglio fino a che non prendono colore. Lasciare intiepidire (o raffreddare, come preferite) e mettere sopra la ricotta.
Se vi piace potete sminuzzare un po' di foglie di menta sopra le zucchine.
Questa ricetta può essere proposta con molte altre verdure: melanzane per esempio cotte a dadini come le zucchine oppure, semplicemente, una dadolata di pomodoro a crudo.



domenica 17 giugno 2012

Torta di pesche allo zenzero

E' arrivata l'estate!!! E allora arrivano anche i dolci freschi.
Questo è un puro esperimento, mai fatto torte con lo zenzero, ma perché non provare? Ha un profumino!!!

Ingredienti:
4 uova
4 pesche
2 dl di latte
1,5 dl di panna
120 g di farina
100 g di zucchero
40 g di zucchero a velo (+ quello da spolverare sopra)
4 cm di zenzero fresco
burro per la pirofila

Sbucciare lo zenzero e grattugiarlo a fori piccoli (ma non troppo piccoli, altrimenti vi rimane tutto lì). Metterlo in una ciotola e aggiungere le uova. Sbattere bene con una forchetta o una frusta a mano. Aggiungere la farina setacciata, i due tipi di zucchero, il latte a filo e la panna.
Dividere le pesche a metà, privarle del nocciolo, tagliarle a fettine e distribuirle in una pirofila ben imburrata.
Versare sopra le pesche l'impasto e infornare a 180° per 40 minuti.
Lasciare raffreddare. Attenzione: la torta uscita dal forno sarà bella gonfia, me destinata ad afflosciarsi fino a raggiungere la sua dimensione reale.
Potete servirla cosparsa di zucchero a velo con un po' di gelato al gusto che preferite anche dopo 2 ore di frigo.

martedì 12 giugno 2012

Mousse di mascarpone alle more

Astenersi persone a dieta o intenzionate ad esserlo (o che dicono di esserlo) :D
Il mascarpone è sempre un bel modo per dire addio ad una dieta, assicuro.
Di questa prelibatezza mi piace oltre alla goduria pura, il fatto di poter utilizzare i biscotti che spesso si hanno in casa e non si sa come utilizzarli.

Ingredienti per 4 coppette
250 g di mascarpone
2 uova
180 g di zucchero
300 g di more
150 g di biscotti tipo Digestive o al burro

Preparare la composta: lavare e asciugare delicatamente le more e metterle in una casseruola con 80 g di zucchero, mescolare e far riposare per 15 minuti, poi cuocere a fuoco dolce per altri 10 minuti. Lasciare raffreddare.
Montare i tuorli con la frusta unendo i 100 g di zucchero fino a renderli chiari e spumosi. Aggiungere il mascarpone delicatamente per non smontare il composto.
Montare gli albumi e unirli, sempre delicatamente.
Versare la composta di more sul fondo di 4 bicchieri, distribuire sopra i biscotti sbriciolati e ricoprire con la mousse.
Lasciare riposare in frigo per almeno 2 ore prima di servire.


Clafoutis ai lamponi

Dicesi clafoutis un dolce morbido con frutta a vista (o meglio io lo intendo così).
Questa ed altre ricette inserite oggi sono ricette che ho eseguito prima di aprire il blog; le inserisco perché ora arriva l'estate (speriamo) e dolci con la frutta sono sempre benvenuti.

Ingredienti:
500 g di lamponi
4 uova
200 g di zucchero di canna
3 dl di latte
120 g di farina

Lavate i lamponi delicatamente e mescolatele in una ciotola con 40 g di zucchero di canna. Sgusciate le uova in una ciotola e montatele con le fruste unendo lo zucchero di canna rimasto. Aggiungere la farina setacciata con un pizzico di sale, poi il latte a filo. Mescolare bene.
Versare il composto ottenuto in una teglia rettangolare 30x20 e inserire nell'impasto i lamponi schiacciandoli ma senza farli scomparire. Tenete alcuni lamponi per decorare.
Cuocere a 210° per 35 minuti.
Lasciare raffreddare su un gratella il clafoutis prima di servirlo.

domenica 10 giugno 2012

Bisco-muffin al cacao

L'idea era di fare dei biscotti al cacao con ripieno morbido, ma l'anarchia imperante li ha trasformati in altro. La trasformazione è avvenuta sicuramente per due fattori principali: 1. aver usato la farina con lievito (eh quella avevo in casa); 2. non aver fatto riposare quella che doveva essere frolla.
Le due variabili hanno portato a questo che in fondo è un ottimo risultato. Sono morbidi, ma anche friabili e dentro morbidi. Un successo, insomma.

Ingredienti:
100 g di zucchero
100 g di burro
260 g di farina con lievito
2 uova
50 g di cacao amaro in polvere
Nutella o confettura per il ripieno

Nel mixer far amalgamare burro e farina, aggiungere poi le uova e lo zucchero e infine il cacao. Mettere nei pirottini (io ho usato quelli a forma di cuore in silicone, me ne sono bastati 14) un cucchiaino di impasto mezzo cucchiaino di ripieno e ancora impasto. Consiglio di versare prima tutte le basi, poi tutti i ripieni e poi tutte le coperture. E' importante che per la base e il ripieno si copra tutto lo spazio (mentre il ripieno va solo nel centro), quindi se serve usate anche più di un cucchiaino di impasto.
Far cuocere in forno a 180° per non più di 15 minuti, altrimenti il cuore...si seccherà.

martedì 5 giugno 2012

Torta di fango del Mississippi (più o meno)

Diciamo subito che la vera torta di fango del Mississippi è questa. E quella che propongo è una modestissima versione giusto per dire ho fatto la torta di fango. Cercando diverse ricette ho trovato quella suggerita da un sito che sbircio sempre, ma che non ho mai provato che è Pazze per il Bento!
La motivazione per mettersi a fare questa torta mi è venuta dal cartone Max & Ruby dove la coniglietta organizza uno dei suoi tè per le conigliette scout preparando quella che chiama "la torta al cioccolato del Mississippi" e dal fatto di aver comprato troppo cioccolato al 75% e non sapere come smaltirlo con il caldo in arrivo.
Ingredienti per la base:
60g di cioccolato fondente tritato
225g di Digestive
60g di burro
Ingredienti per il ripieno:
180g di cioccolato fondente al 75% 
180g di burro
4 uova
180g di zucchero di canna 
180ml di panna fresca
+ altra panna montata per decorare

Tritare i biscotti per la base e aggiungere burro e cioccolato sfusi. Amalgamare bene e mettere sul fondo e sui lati di una tortiera a cerniera da 22 cm rivestita con carta da forno.
Per il ripieno fondere il cioccolato e il burro a bagnomaria e farli raffreddare; montare le uova con lo zucchero fino a quando saranno chiare e spumose, aggiungere la panna e infine il cioccolato fuso col burro.
Versare il composto sulla base di biscotti e cuocete in forno a 180° per 50 minuti.
Una volta raffreddata servire con panna montata con pochissimo zucchero, ma che ve lo dico a fare!!!

martedì 17 aprile 2012

Plumcake al limone

Ancora un plumcake, ma questa volta al limone e con crema al formaggio e morbidissimo! E' una ricettina così ben riuscita che non ho una foto migliore di quella che vedete. L'ho fatta al volo appena finita la decorazione con in telefonino e poi non ho fatto in tempo a farne un'altra visto che è stata spazzolato via!
Le dosi sono per uno stampo un po' più grande rispetto a quello che di solito uso per il plumcake, ma non credo darà problemi.

Ingredienti:
170 g di burro morbido
1 cucchiaio di scorza di limone non trattato
250 g di zucchero
3 uova
150 g di farina autolievita1 lnte
75 g di farina 00
125 g di yogurt bianco
70 g di latte
Per la glassa:
200 g di formaggio Philadelphia
100 g di zucchero a velo
succo di limone
Mescolare in una terrina yogurt e latte. Montare con la frusta burro, scorza di limone e zucchero. Unire le uova una alla volta, le farine setacciate e il mix di yogurt e latte.
Trasferire l'impasto in uno stampo da 1 litro foderato con carta da forno. Cuocere per 45 minuti a 180°.
Lasciare riposare dopo la cottura per qualche minuto e poi sfornare sul piano a raffreddare.
Mescolare Philadelphia, zucchero e limone fino ad ottenere una crema omogenea.
Coprire il plumcake e decorare a piacere
Io ho utilizzato per la decorazione delle codette gialle e delle gelatine a forma di fettina di limone.
Data al presenza della glassa (che potete anche non fare se non vi aggrada) è meglio conservare in frigo per i giorni seguenti.

mercoledì 11 aprile 2012

Grattafrolle

Perché fare delle normalissime crostatine di pasta frolla quando puoi fare delle grattafrolle?
E quindi eccoci qua con questa ricetta di una frolla con uovo (io sono per la versione base: zucchero - a velo preferibilmente - burro e farina) e grattugiata finale.



Ingredienti:
300 g di farina 00
150 g di burro
125 g di zucchero a velo
2 tuorli
confettura o crema alle nocciole
Mescolare tutti gli ingredienti per ottenere un impasto omogeneo e non appiccicoso inserendoli nell'ordine in cui sono elencati. Manipolare per qualche minuto e ottenere 10 o 12 (dipende dalla dimensione degli stampini) palline da mettere nei pirottini (io ho usato degli stampini leziosissimi in silicone) e altre 4 palline che andranno grattugiate.
Mettere gli stampini con la frolla nel frigorifero e le 4 palline nel freezer. Lasciare riposare per 30 minuti.
Accendere il forno a 180°.

Mettere la confettura o la crema alle nocciole sopra la frolla nei pirottini e grattugiare sopra con la grattugia a fori larghi l'impasto preso dal frezeer (una pallina per volta).
Mettere in forno per 20 minuti.
Aspettare che si raffreddino un poco e togliere dagli stampini e se piace spolverare sopra lo zucchero a velo.

martedì 10 aprile 2012

Torta primaverile

Idea originale presa dal Cucina Italiana di Aprile, ma rielaborata perché l'impasto proposto da loro non mi piaceva molto. Si tratta di una semplicissima torta allo yogurt (scelta perché morbida e non stucca) con una farcia di ricotta e panna, ma soprattutto si tratta di una torta decorata con tanti fiorellini e con un uovo particolare.
Ormai la Pasqua è passata e quindi l'uovo potete anche...non metterlo :D
Ingredienti:
200 g di zucchero
3 uova
300 g di farina 00
2 vasetti di yogurt bianco
1 bustina di lievito
2/4 di vasetto di yogurt di olio extravergine
500 g di ricotta morbida
250 g di panna da montare
decorazioni di zucchero varie
1 ovetto di cioccolata
1 albicocca sciroppata o disidratata
Lavorare in una terrina lo zucchero con le uova. Aggiungere la farina e il lievito setacciati, lo yogurt e infine l'olio amalgamare bene il composto. Versare il preparato in una teglia con cerniera da 24-25 cm rivestita con carta da forno ed infornare a 180° per circa 50 minuti.
Per la crema aggiungere alla panna montata la ricotta lavorando delicatamente fino a che non si amalgamano bene.
Farcire la torta con metà della crema e usare la restante (lasciandone giusto un cucchiaino) per coprire totalmente la torta. Decorare con i fiorellini di zucchero e le codette gialle.   
Tagliare a metà l'ovetto e riempirlo con poca crema e una fettina di albicocca.

Stuzzichini per l'aperitivo - parte seconda

Non pensiate che il blog si sia convertito al salato; in giornata posterò anche la ricetta per una torta primaverile. Ma ormai gli stuzzichini sono diventati la mia nuova mania e vi toccano!!!
Oggi abbiamo (da sinistra verso destra): grissini storti con parmigiano e acciughe, mini croque-monsier e mini quiche cipollotti e brie.
Come per la parte prima metterò ingredienti e ricette uno per uno così è più facile trovarli.
GRISSINI STORTI
1 confezione di pasta sfoglia rettangolare
100 g di parmigiano grattugiato
pasta di acciughe
Semplicissimo. Stendete la pasta sfoglia lasciandola sulla carta da forno in dotazione e spalmatela di pasta di acciughe, senza esagerare visto che non è l'unico ingrediente. Spargere sopra il formaggio e tagliare delle striscioline di massimo 1,5 cm. Ridurre in lunghezza per ottenerne due righe. Prendere ogni strisciolina e attorcigliarla su se stessa per ottenere un bastoncino irregolare.
In forno a 180° per 10 minuti.

MINI CROQUE-MONSIER
1 confezione di pan carré senza crosta
100 g di prosciutto crudo tagliato sottile
100 g di formaggio emmenthaler tagliato sottile
burro
Farcire il pan carré  con il formaggio e sopra il prosciutto, spalmare la fetta che coprirà il prosciutto con un velo di burro.
Tagliare a piccoli triangoli le fette e metterli su una placca da forno rivestita di carta. Imburrare sopra e sotto i triangoli e mettere in forno a 180° per 8 minuti o fino a che non risultano dorati sui bordi.

MINI QUICHE CIPOLLOTTI E BRIE
1 confezione di pasta sfoglia (rettangolare o tonda)
4 cipollotti
100 g di brie
2 uova
100 di panna da cucina
sale e pepe
burro
Far cuocere in una padella per 8 minuti i cipollotti tagliati a fettine sottili con poco burro. Sbattere le uova, salare e pepare. Aggiungere la panna continuando a mescolare. Aggiungere i cipollotti.
Con uno stampino tondo da 4-5 cm di diametro tagliare la pasta sfoglia e sistemare i cerchi ottenuti nei pirottini da muffin. Versare in ogni tartelletta un cucchiaio di uova e cipollotti.
Mettere in ogni quiche un pezzo di formaggio brie con la crosta.
Infornare a 180° per 15 minuti.

martedì 3 aprile 2012

Stuzzichini per l'aperitivo. Parte prima.

Nuova rubrica del blog, gli stuzzichini per il momento dell'aperitivo o anche per una festicciola tra amici. Adoro fare questo tipo di cose e queste che presento nella parte prima sono tra quelle più collaudate. Si tratta (nella foto da sinistra verso destra) di: mini muffin con melanzane e feta; girelle al patè di olive; tortilla patate e cipolle; fagottini olive e formaggio.


Tutti sono facili da fare e abbastanza veloci nella preparazione.
Metterò ingredienti e ricetta una per una così da facilitarne la lettura.



MINI MUFFIN MELANZANE E FETA
160 g di farina 00
1 bustina di lievito
3 uova
7 cl di olio di oliva (o di semi)
2 cucchiai di acqua

1 melanzana 
100 g di feta
Setacciare farina e lievito in una ciotola. Formare un buco al centro e romperci le uova. Mescolare con un cucchiaio di legno. Aggiungere olio e acqua e mescolare fino ad ottenere un impasto omogeneo. Salare e pepare. Tagliare la melanzana con la buccia  a dadini e passarla per qualche minuto in padella con un filo d'olio, asciugare con foglio assorbente e mettere in una ciotola con la feta a pezzetti; infarinare e mescolare all'impasto (la farina eviterà che melanzana e feta finiscano alla base dei muffin). 
Preparare i minipirottini e riempire fino a 2/3 con l'impasto.
Cuocere a 180° per 30 minuti.
Aspettare almeno 5 minuti prima di sfornare e lasciare raffreddare su una griglia.



GIRELLE AL PATE' DI OLIVE
1 confezione di sfoglia pronta rettangolare

patè di olive
Niente di più semplice: stendere la sfoglia e spalmare il patè su tutta la superficie. Arrotolare nel lato più lungo e tagliare delle rondelle che poi metterete sulla carta da forno con la parte farcita in evidenza. Cuocere per 15 minuti a 180°.

TORTILLA (al forno) PATATE E CIPOLLE

600 g di patate
1 cipolla
olio
sale 
4 uova
Pelare tagliare le patate a rondelle e farle scaldare in una padella con 3 cucchiai di olio, aggiungere la cipolla a fettine e  cuocere per 20 minuti.
In una ciotola sbattere le uova salate (e pepate se vi va) e aggiungervi patate e cipolle. Mescolare e versare in una teglia rivestita con carta da forno. Cuocere in forno a 190° per 30 minuti.

FAGOTTINI OLIVE E FORMAGGIO

100 g di formaggio tipo emmenthal
60 g di olive verdi senza nocciolo
60 g di pomodori secchi
50 g di acciughe
2 confezioni di pasta sfoglia rettangolare
Mescolare tutti gli ingredienti del ripieno in una ciotola dopo averi fatti a pezzetti. Salare e pepare.
Stendere la pasta sfoglia e con uno stampino fare dei cerchi di 7-8 cm di diametro. Mettervi al centro un po' di ripieno, chiudere come un raviolo la sfoglia e bagnare con acqua la parte che si sovrappone in modo da chiuderla bene. Fare un piccolo taglio con un coltello su ogni fagottino e cuocere in forno a 180° per 30 minuti. 








venerdì 23 marzo 2012

Muffin con prosciutto e olive (ma è solo una delle possibilità)

Eccoci con una ricetta salata che credo piacerà a molti. In realtà ne presento una variante, ma considerate con l'impasto base vi potrete sbizzarrire a vostro piacimento sostituendo olive e prosciutto con altro (pancetta, salame, patate, emmental, pecorino, fave...). Insomma a voi la scelta di creare un antipasto veloce e facile. Potete farne anche una versione integrale sostituendo la farina 00 con quella integrale o con quella di kamut.
Il risultato è a metà tra un muffin e un bignè, interessante.



Ingredienti: 
160 g di farina 00
1 bustina di lievito
3 uova
7 cl di olio di oliva (o di semi)
2 cucchiai di acqua
100 g di parmigiano grattugiato
100 g prosciutto cotto a cubetti (o una fetta alta che taglierete a cubetti)
50 g di olive verdi denocciolate
sale e pepe
Setacciare farina e lievito in una ciotola. Formare un buco al centro e romperci le uova. Mescolare con un cucchiaio di legno. Aggiungere olio e acqua e mescolare fino ad ottenere un impasto omogeneo. Salare e pepare.
Aggiungere il parmigiano a pioggia, mescolare. In un'altra ciotola mescolate le olive tagliate a rondelle e i cubetti di prosciutto cotto con un cucchiaio di farina. Mescolare bene.
Incorporare olive e prosciutto all'impasto.
Preparare una teglia da 12 muffin rivestendo gli spazi con i pirottini e riempire fino a 2/3 con l'impasto.

Cuocere a 180° per 30 minuti.
Aspettare almeno 5 minuti prima di sfornare e lasciare raffreddare su una griglia.

mercoledì 14 marzo 2012

Cupcakes al cioccolato con copertura al mascarpone

Il titolo ha bisogno di commenti? :D
Sono giorni che giro intorno a questa copertura la mascarpone che ho letto in una ricetta di un dolce al cioccolato. La volevo provare, ma non avevo la giusta spinta creativa. O meglio, ieri ho improvvisato dei dolcetti alle more che sono stati una vera delusione e quindi oggi mi sono buttata sul cioccolato, che cura ogni delusione.

Ho usato per l'impasto una ricetta (modificata ovviamente) dal libro "Muffin e cupcakes".



Ingredienti 
90 g di cioccolato fondente
5 cucchiai di panna
150 g di farina con lievito
2 cucchiai di cacao amaro
80 g di burro ammorbidito
200 g di zucchero
2 uova
4 cucchiai di mascarpone
4 cucchiai di zucchero a velo
2 cucchiai di burro

Preparate la teglia apposita rivestendola con 12 pirottini.
Fare sciogliere a bagnomaria il cioccolato con la panna e far raffreddare.
Sbattere con le fruste a media velocità burro e zucchero fino ad ottenere una crema, aggiungere uno per volta le uova. Setacciare gli ingredienti farina e cacao e aggiungerli all'impasto a velocità minima, unendo lentamente anche il cioccolato.
Versare nei pirottini per 3/4 e cuocere a 170 per 20 minuti.
Una volta che si sono raffreddati coprirli con poca crema e se volete, decorare con delle chips di banana.
Il quasi salato delle chips, il dolce della copertura e l'amaro del cioccolato sono un incontro...da provare.

domenica 11 marzo 2012

Pasta brioche!!!

La pasta brioche è una di quelle cose che ti dici non farai mai. Perché richiede un lavoraccio, una attesa spasmodica di tempi di lievitazione. Poi un giorno trovi una ricetta su uno dei 3 giornali che ogni mese compri con le ricette (in questo caso si tratta di "Sale e Pepe" marzo 2012) e ti dici che forse, ci puoi riuscire. Il primo passo è certamente comprare il lievito di birra in panetto. Che vedi spesso al banco frigo e le prime volte ti chiedi pure a che serva. Il secondo passo è valutare bene che tipo di farina usare per l'impresa. Sul mensile in questione è ben chiarito che la farina W350 in questa preparazione ha un ruolo fondamentale e quindi dopo una buona mezz'ora nella corsia apposita del supermercato (dove sembri una pazza, perché in fondo...è farina, sembra che non l'hai mai comprata) puoi orgogliosamente dire di avere in mano 1 kg di farina giusta.
Quindi dritti a casa a provare anche questa.
Ah, è vero. In questo caso le foto del procedimento sarebbero state anche utili. Ma sono troppo pigra, portate pazienza.
Ah (2) la ricetta originale includeva 1 baccello di vaniglia e 1 limone non trattato per recuperarne la scorsetta. entrambi non sono presenti nella versione anarchica.


Ingredienti:
120+480 g di farina bianca per paste lievitate (ergo 600 g), diciamo che la manitoba va bene.
20 g di lievito di birra in panetto
un bicchiere di latte tiepido
250 g di burro
100 g di zucchero
3 uova + 1 tuorlo
1 pizzico di sale
100 g di gocce di cioccolato
qualche zuccherino
100 g di uvetta passa
FASE 1. Sciogliere il lievito in 3/4 cucchiai di latte  tiepido e amalgamare 120 g di farina unendo altro latte per ottenere un impasto morbido. Immergerlo in una ciotola di acqua tiepida e lasciare lievitare per 10-15 minuti, ovvero fino a quando lo vedete galleggiare. Su una spianatoia fare la fontana con i 480 g di farina restanti, lo zucchero, il sale e le uova al centro. Lavorare la pasta fino a che si stacca dalle mani (se serve aggiungere poco latte). A questo punto aggiungere il burro a pezzetti e lavorare ancora con forza, se necessario sbattete la pasta sulla spianatoia fino a quando appare lucida e vedete delle bollicine. Formare una palla, metterla in una ciotola e coprire con pellicola trasparente. Conservare per almeno 2 ore in luogo fresco. 
FASE 2. Riprendere la pasta e dividerla in due porzioni. Una la stenderete a rettangolo sulla spianatoia infarinata e distribuite sopra le gocce di cioccolato. Arrotolate nel senso della lunghezza la pasta e tagliatela a fette. Sistemare le girandole sulla teglia foderata con carta da forno distanti l'una dall'altra e coprirle con un panno. Far riposare 2 ore.
Per i panini all'uvetta aggiungere all'impasto l'uvetta precedentemente ammollata (io uso il thé, ma volendo lo si può fare con il rum!). Formare dei piccoli panini e metterli a riposare sulla placca rivestita di carta da forno per 2 ore.

FASE 3. Mettere in forno le girandole a 200° per 15 minuti.
Spennellare i panini con il tuorlo d'uovo e coprire con gli zuccherini. Cuocere anche questi per 15 minuti a 200°.
Una volta tolte dal forno le girandole spennellarle con la vostra confettura preferita per dargli un aspetto lucido.
Direi che il lungo lavoro è ripagato. Si tratta di una pasta non troppo dolce adatta a tutti. 

giovedì 8 marzo 2012

Trancetti alla confettura di more

Quando ho letto per la prima volta questa ricetta sul libro "Piccole dolcezze da regalare e regalarsi" in regalo con il mensile Sale e Pepe (dicembre) mi sono detta che la DOVEVO provare. La confettura (che chiamano marmellata...sic!) della ricetta originale è di lamponi, ma poco cambia. Direi che ogni marmellata o confettura è adatta secondo i gusti. Mi piaceva davvero troppo l'idea di grattugiare l'impasto fatto indurire in frigo; eh lo so ognuno ha i suoi momenti e motivi di entusiasmo.


Ingredienti:
250 g di farina 00
un pizzico di sale
250 g di burro ammorbidito
250 g di zucchero
1/2 bustina di lievito (8 g, quindi)
1/2 flaconcino di estratto di vaniglia
2 tuorli
300 g di confettura di more (ma potete scegliere quella che volete)
Mescolare in una ciotola farina, lievito e sale. Sbattere burro e zucchero fino ad ottenere una consistenza spumosa e omogenea; aggiungere i tuorli e l'estratto di vaniglia. Unire gli ingredienti secchi e mescolare velocemente fino ad avere un impasto omogeneo. Dividerlo in 2 blocchi che, avvolti nella pellicola trasparente, dovranno riposare almeno 1 ora in frigorifero.
Dopo questo tempo stendere un blocco in uno stampo rettangolare (20x30 cm) foderato con carta da forno e mettere il secondo blocco nel freezer per almeno 15 minuti (se la stagione è calda anche 25). Coprire la base nello stampo con la confettura e quando il secondo blocco è abbastanza duro grattugiarlo con una grattugia a fori larghi sopra la confettura in modo da coprire tutta lo stampo.
Cuocere in forno caldo a 170° per 30 minuti, o anche più se ritenete che la parte di impasto sotto non sia cotta.
Lasciare raffreddare e tagliare a quadrotti di 5 cm di lato.
La mia idea iniziale era di fare dei mini strudel, ma questa mi ha soddisfatto non poco. E non avevo mai usato questa tecnica con la grattugia che è davvero singolare!

lunedì 5 marzo 2012

Sformato ai tre cavoli

Secondo appuntamento per la sezione "torte salate". Anche in questo caso si tratta di una non classica torta sfoglia e verdura, ma di uno sformato. Ottimamente riuscito, soprattutto se accompagnato dalla salsina di acciughe; un po' per ricordare il sapore delle puntarelle che si fanno a Roma.
Come si capisce dal titolo servono tre tipi diversi di cavolo e già questa è una esperienza, perché non tutti conoscono queste verdure: si tratta di cavolfiore (e questo è il più semplice), 
il cavolo romano (il meno conosciuto) e ibroccoletti (da non confondere con quelli di Bruxelles). Nella foto (da sinistra a destra) potete vedere un esempio di ciascuno nel piatto giusto per aiutare un po'.


Ingredienti: 
400 g di cavolfiore 
400 g di broccoletti
400 g di cavolo romano
2 dl di panna fresca
5 uova
noce moscata
40 g di parmigiano
sale e pepe
Per la salsina
1 dl di olio extravergine
7 acciughe sott'olio a pezzetti
1 spicchio d'aglio tritato
2 cucchiai di latte
La prima operazione da svolgere è cuocere i cavoli dopo averli ridotti a cimette, ovvero dopo aver eliminato i torsoli duri centrali. Consiglio vivamente di cuocerli a vapore per 20 minuti, in questo modo non caricano acqua e rimangono sodi al punto giusto. 
(Ma se non avete questa possibilità potete seguire le indicazioni della ricetta originale in Subito Pronto di questo mese: portare ad ebollizione una pentola con abbondante acqua, salare e versare in tempi diversi i cavoli. I broccoli devono cuocere 5 minuti, mentre cavolfiore e cavolo romano 8 minuti. Sgocciolarli con un mestolo forato in una ciotola con acqua ghiacciata).
Foderare uno stampo a cerniera con carta da forno bagnata e strizzata; mettere sul fondo gran parte delle cimette alternando i colori.
Mettere nel mixer o nel frullatore le cimette rimaste tranne 6-8 per la decorazione del piatto. Unire le uova, il parmigiano, la panna e sale e pepe a piacere. Concludere con una generosa manciata di noce moscata.

Frullare il tutto a lungo in modo da ottenere una crema omogenea (rimarrà comunque qualche puntino verde scuro).
Trasferire la crema nella tortiera e livellarla con una spatola.
Cuocere in forno per 50 (non 500 come avevo scritto!!! :D) minuti a 160°. 
Preparare la salsina cuocendo a bagnomaria tutti gli ingredienti per 10 minuti.
Una volta tolto dal forno lasciare riposare almeno 10 minuti ed estrarre lo sformato dallo stampo (attenzione perché la carta forno bagnata e strizzata è meno resistente di quella asciutta e si può rompere). 
Io ho preparato questo sformato il giorno prima ed era ottimo anche freddo. 

sabato 3 marzo 2012

Biscottoni caffè e pistacchi

Premessa1: nella foto della ricetta originale che trovate nel numero di "Subito pronto" di marzo questi sono visibilmente deliziosi biscottini, anzi vi dirò di più hanno pure la forma di perfetti chicci di caffè. Il risultato della mia impresa, invece, è una serie di biscottoni giganti che somigliano a ben altro rispetto ad un chicchino di caffè. Dove ho sbagliato? Non ne ho idea, quando riproverò a farli vi saprò dire. Ho modificato la ricetta? Certo che sì, ma solo per un dettaglio (credo) irrilevante: la ricetta originale richiedeva 50 ml di liquore al caffè che io ho sostituito con 50 ml di latte perché non volevo alcolizzare il tutto. Che sia questo l'errore? Mah...i biscottoni sono comunque ottimi e fragranti.
Premessa 2: io non bevo caffè. O meglio io cerco di evitare per quanto possibile di bere caffè. Non perché mi faccia effetti strani, proprio non mi piace, soprattutto il caffè espresso. Ed è dura evitarlo perché quando vai in un bar con qualcuno prendere un caffè è buona educazione non far spendere per un succo o per qualcosa sopra l'euro e quindi...mi prendo un caffè, a malincuore. Però il sapore del caffè mi piace (stesso principio per cui non mangio funghi, ma la pasta ai funghi sì) e in questi biscotti ci sta davvero bene.

Ingredienti:
260 g di farina
150 g di burro
150 g di zucchero
3 tuorli
60 g di pistacchi sgusciati
20 dl di latte
1 cucchiaio di cacao amaro
1 cucchiaino di caffè macinato
1 cucchiaino di caffè solubile
1 cucchiaino di lievito per dolci
pizzico di sale
Tritare i pistacchi per ridurli in pezzi piccoli. Setacciare in una ciotola la farina con lievito e cacao, aggiungere il sale, lo zucchero , i pistacchi, i due tipi di caffè. Mescolare bene con un cucchiaio di legno. Aggiungere il burro a pezzi ed ammorbidito, i tuorli e il latte. Lavorare rapidamente con le mani o con una impastatrice per ottenere un impasto omogeneo. Mettere in frigo avvolto in pellicola trasparente per almeno 1 ora.
Preparare delle piccole palline di impasto (infarinarsi le mani aiuta) e metterle sulla teglia rivestita con carta da forno. Infornare a 180° per 15 minuti. Lasciare raffreddare.
Ora nella ricetta originale per ottenere i chicchi di caffè si richiedeva di incidere per lungo con la lama di coltello dalla parte che non taglia...sì, vabbè!!!
Comunque con il latte la mattina sono buonissimi.

mercoledì 29 febbraio 2012

Biscottini melting moments

Gli inglesi sanno davvero come utilizzare il burro. Questi deliziosi biscottini ne sono la prova. Si sciolgono in bocca (da lì il nome, credo) e contengono una cremina sfiziosissima. La modifica che ho fatto alla ricetta orginale e non inserire la scorzetta di limone nell'impasto. Per il resto mi sono mantenuta nel classico.

Ingredienti per l'impasto:
210 g di farina
200 g di burro
60 g di zucchero a velo
40 g di fecola di patate
un pizzico di sale
Per la crema:
150 g di zucchero a velo
50 g di burro
2 cucchiai di succo di limone
Con la frusta sbattere il burro con lo zucchero e il sale fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso. Aggiungere la farina e la fecola. Mescolare bene.
Formare delle palline grandi come una noce disporle sulla teglia da forno foderata con carta da forno. Schiacciare le palline con i rebbi di una forchetta.
Cuocere a 170° g per 10 minuti, non devono prendere colore, ma restare chiari.
Una volta raffreddati farcire con la crema di burro, zucchero a velo e limone ben mescolati.
Accoppiare i biscottini e...gustate con un tea non troppo speziato un English breakfast direi che è perfetto.
Dimenticavo: conservate i biscottini in frigorifero se la temperatura della stanza è alta.

mercoledì 22 febbraio 2012

Plumcake 4 uova

Vale la stessa regola del precedente plumcake (le prugne non ci sono!), la differenza tra quello morbido allo yogurt e questo è che in questo gli ingredienti sono molto meno e di solito si trovano facilmente in casa in modo da farlo quasi ogni giorno. Ottimo per la colazione è morbido e spugnoso quanto basta. Può essere anche una valida alternativa per un dolce dopo cena se accompagnato con una crema al caffè.
Deve il suo nome dalla mia insistenza a non mettere più di 4 uova mentre nella ricetta che avevo trovato (nella quale c'erano anche cannella, zenzero e latte) ne richiedevano...7!

Ingredienti:
180 g di farina
150 g di burro ammorbidito a temperatura ambiente
150 g di zucchero
4 uova
Lavorare il burro e lo zucchero con lo sbattitore fino ad ottenere una consistenza cremosa. Aggiungere 1 ad 1 le uova. Incorporare la farina setacciata. Lavorare per ancora qualche minuto, fino ad ottenere un impasto omogeneo.
Versare in uno stampo da plumcake rivestito di carta da forno e infornare a 180° per 45 minuti (o fino a che la prova dello stecchino non da esito....asciutto).

giovedì 16 febbraio 2012

La rosa, la guardia reale e il pasticcino al cacao

Sembra quasi una favola ed in realtà il sapore lo è anche. Questa è una ricetta per l'impasto da cupcake al cacao. L'ho utilizzata per fare altro, ma se preparate i pirottini e nei infornate 16 il risultato sarà ottimo. Ho scelto la favola perché volevo provare i famosi stampi in silicone con un'impasto diverso da quello nel loro piccolo ricettario. Ho aggiunto il mio leggendario ingrediente ostico: la cannella, ma volevo provare se è vero che provoca riflessi rossi. A voi la sentenza.

Ingredienti:
300 g di farina 00
70 g di cacao amaro in polvere
mezza bustina di lievito in polvere
1 cucchiaino di bicarbonato
2 cucchiaini di cannella
pizzico di sale
125 g di burro fuso
280 g di zucchero 
2,5 dl di latte
Come per ogni preparazione di cupcake che si rispetti da una parte setacciare farina, cacao, lievito, bicarbonato e cannella e in un altra ciotola mescolare il burro con zucchero e latte. Unire ingredienti umidi a quelli secchi e mescolare fino a quando questi ultimi non si sono definitivamente inglobati nell'impasto.
Mettere in una sola soluzione (senza aggiungere) un cucchiaio di impasto per stampino.
Ottimi con la panna sopra, ma che ve lo dico a fare?

martedì 7 febbraio 2012

Torta di patate alla piacentina (così dicono)

Per la serie "fatti salienti" da oggi si apre una nuova sezione di questo blog: torte & Co salate. Da grande appassionata di brunch mi piace davvero molto creare nuove soluzioni per piatti per l'occasione. Ho trovato questa ricetta e subito ho voluto provarla e come potevo non condividerla qua? Si tratta di una torta salata sfiziosissima vista la presenza di patate e lardo. Quello che mi è piaciuto è il fatto che non è la solita torta: pasta sfoglia e verdure.


Ingredienti:
1,5 kg di patate
3 uova
1 porro
2 scalogni
50 g di pecorino grattugiato + 100 di grana grattugiato
250 g di farina
200 g di lardo
1 cucchiaino di zucchero
60 ml di latte tiepido
60 ml di acqua frizzante
2 + 4 cucchiai di olio extravergine
sale, pepe, noce moscata
Prima di tutto mettere le patate in acqua fredda a cuocere per almeno 40 minuti.
La preparazione si divide in due parti: quella dedicata al ripieno e quella per l'impasto base. Dato che questo deve stare almeno 30 minuti a riposare in frigo consiglio di prepararlo per primo. Impastare farina, latte, acqua frizzante, olio, zucchero e un pizzico di sale per almeno 10 minuti con l'impastatrice o 20 a mano. Quando avete ottenuto un impasto morbido formare una palla e avvolgerla nella pellicola trasparente. Far riposare per almeno 30 minuti in frigo.
Preparare quindi il ripieno: scolare, sbucciare e passare al passapatate le...patate e versarle in una ciotola. Eliminare la parte verde del porro,  sciacquarlo in acqua fredda e farlo a strisce. Spelare lo scalogno e affettarlo finemente; farlo stufare con il porro a fiamma bassa con 2 cucchiai d'olio in padella per 10 minuti. Nel frattempo fare un pesto con il lardo e lo spicchio d'aglio battuti su un tagliere e tagliando con una lama scaldata sul fuoco per evitare che il grasso del lardo si attacchi. Versare il "pesto" nelle patate aggiungere il mix di porro e scalogni, 2 uova sbattute, il grana, il pecorino, la noce moscata, sale e pepe.
Stendere l'impasto su un foglio di carta da forno bagnata e strizzata fino ad ottenere una sfoglia di 1 cm. Mettere la sfoglia in una tortiera a cerniera da 22-24 cm di diametro. Bucherellare il fondo con una forchetta ed aggiungere il ripieno. Livellarlo e disegnare un motivo a strisce con la forchetta. Infine, spennellare con 1 uovo sbattuto.
Cuocere in forno a 180° per circa 50 minuti.

L'odorino del lardo che cuoce inebrierà tutta la cucina!